Home Archivio edizioni 2008
2008
GLI INSIGNITI:

Alessio Boni

Una carriera in grande crescita sul grande e piccolo schermo: un talento raro, come rara è la sua generosità. L'oscar senese va a un attore che ha sta dimostrando come la passione professionale possa andare di pari passo con l'impegno sociale. Ha lasciato il segno con La meglio gioventù, Bestia nel cuore, Sangue  pazzo e di recente con Guerra e pace, ma ha lasciato il segno anche nel cuore di tanti bambini soli e ammalati nel mondo come testimonial dell'Unicef.


Angela Nenci
Una grande artigiana senese: porta avanti il nome della Diana una delle imprese più prestigiose del nostro territorio perchè da qui nascono restauri e opere d'arte che segnano in maniera mirabile il patrimonio artistico della città. La vetreria oggi è un nome e una sicurezza quando si intende garantire il rispetto dell'opera d'arte e del suo contesto. Alla Diana si deve la realizzazione della copia dell'occhio di Duccio per il Duomo di Siena e l'occhio di Bue della basilica di San Domenico di Mario Ghezzi.




Associazione Adricesta
Un giusto riconoscimento alla grande opera dedicata alla  donazione di cellule staminali in tutta Italia, il giusto tributo per aver sostenuto la nascita delle Cell factory fabbriche di cellule, affiancando le strutture ospedaliere per l'assistenza sanitaria. E soprattutto per l'impegno nell'aiuto ai bambini lungodegenti nei reparti di oncoematologia e chirurgia pediatrica con il progetto Un buco nel muro. Tanti volontari generosi per regalare sorrisi ai piccoli sofferenti.
Ritira il premio la presidente Carla Panzino e i testimonial
Manuel Casella, Beppe Convertini e Piero Mazzucchetti

Carmen Lasorella
Un volto e una voce amatissimi dal pubblico italiano. Una giornalista televisiva e non solo che costituisce un modello di professionalità, passione e capacità comunicativa. Per dieci anni ha condotto il tg2 e per molti anni è stata anche inviata speciale nei teatri di crisi di tutto il mondo, dal Medio oriente all'America latina. Anche per Rai uno ha condotto molti programmi di successo lasciando un segno indelebile.


Dominique Bellet
E’ professore di immunologia all’Università di Parigi ed è Primario di un eccellente centro anticancro della capitale francese il Renè Huguenin . Nel corso degli ultimi 25 anni, i laboratori che dirige  all’Università o all’Ospedale hanno messo a punto dei test per l’individuazione  e il controllo di vari tipi di  cancro, per  il « dépistage » della trisomia 21 e per l’individuazione di affezioni di origine batterica. Alcuni di questi test sono utilizzati da più di 24 anni nel mondo intero e ogni anno milioni di pazienti ne beneficiano.





El En ritira il premio l’ ingegner Leonardo Masotti
Anche quest'anno l'oscar senese va a una impresa che rappresenta un modello di efficienza e creatività. L'impegno della El. En Electronic Engineering di Calenzano è focalizzato nella produzione di laser industriali per la conservazione di opere d'arte e monumenti e medicali, impiegati per la cura di molte malattie, impiegati ad esempio in dermatologia, chirurgia endoscopica, ginecologia, oculistica. Vero esempio di capacità imprenditoriale applicata alla sanità e alla salvaguardia del patrimonio artistico in tutta Italia e nel mondo.

Gabriello Mancini
E' il presidente della Fondazione Monte dei Paschi di Siena e presidente dell'Accademia musicale chigiana. La statuetta d'oro per sottolineare l'impegno di un difensore e di un inteprete della  senesità rivestendo ruoli decisivi per l'intero territorio e per la collettività locale e non solo. Un senese che traduce e sostiene i bisogni dei senesi.




Marco Frisina
Un artista eccezionale nel campo della musica classica e religiosa: rappresenta una della massime espressioni nazionali e internazionali per la composizione delle colonne sonore di film di grande successo. Ricordiamo fra gli altri la Bibbia televisiva, e ancora San Giovanni l'Apocalisse, Giovanni Paolo II, Callas e Onassis, Pompei, e la recentissima Chiara e Francesco. E' il maestro del Coro della cappella musicale lateranense. Ha creato l'opera musicale La divina commedia in questo momento in scena a Roma con grandissimo successo.

Mariagrazia Pizza
E' responsabile dell'unità di immunologia molecolare della Novartis. Ha iniziato la sua attività di ricerca a Siena nel 1986 al centro ricerche della Sclavo, poi Chiron e oggi appunto Novartis. Molte le sue ricerche per la composizione dei vaccini: dal 1999 è responsabile del progetto rivolto allo sviluppo di un siero contro la meningite causata dal temibile meningococco di tipo B.





Marisa Grasso, vedova dell'ispettore di Polizia Raciti
E' trascorso poco più di un anno dall'uccisione dell'ispettore di polizia Filippo Raciti. Siena attraverso il premio Santa Caterina d'oro intende commemorare quest'uomo che al servizio dello Stato è rimasto vittima di una delle tante follie di cui questo Paese si macchia ogni giorno. Una follia che ancora oggi ci strazia e ci spinge a combattere per l'affermazione del diritto alla vita. Con la statuetta d'oro  intendiamo ricordare l'encomiabile altruismo di Raciti e l'eccezionale spirito di servizio che lo hanno spinto fino all'estremo sacrificio. Come segno di stima, riconoscenza per un uomo esemplare e coraggioso.

Mary Petruolo
Una splendida creatura scoperta dal cinema italiano. Solo diciotto anni ma il talento davvero non le manca e lo ha dimostrato come protagonista del film Chiara e Francesco. Più che una speranza nel mondo italiano, alla sua giovanissima età è già una certezza, basta ricordare la sua partecipazione nel film Maria Josè con la regia di Carlo Lizzani, una breve carriera che vanta già film come Uomini, donne amori e bugie, Diritto di difesa, Orgoglio 1 2 3, La squadra,
Gente di mare, il Segreto di Arianna.



Paolo Lombardi
Il dominio della voce è un dono ed un'arte straordinaria. Lui, senese, è uno dei doppiatori più famosi in Italia. Ha dato personalità e carattere a Hitchcock, ha doppiato Pinotto, e Jerry Lewis, e ancora Topor nel Galileo, L'imperatore di Amadeus, il vescovo di Robin Wood, Danny Aiello nella Rosa purpurea del Cairo. Interprete lui stesso di molti film, fra i più recenti Due cuori e un delitto e una moglie Bellissima di Pieraccioni. Molti gli impegni teatrali vogliamo ricordare La scala a Chiocciola, La vita di Galileo, Così è se vi pare di Pirandello, il Giardino dei ciliegi di Cechov e Storia di due amanti.




Simone Pianigiani coach della Mens sana Basket
Un senese d'oro davvero. Una carriera stellare nel mondo del basket che lo sta portando a toccare le vette dello sport italiano e europeo. Se la Montepaschi ha cucito sulle maglie il suo secondo scudetto questo si deve alla sua grande capacità di guidare l'armata biancoverde. Un orgoglio per Siena che siamo certi ci accompagnerà per tanti anni ancora.  In questa città è nato, ha vissuto e si è formato, fino a regalare gloria e prestigio a tutti i suoi concittadini. E per questo lo ringraziamo.