Home Archivio edizioni 2002
2002

GLI INSIGNITI:

Barbara Ensoli

Santa Caterina d'oro 2002 per la scoperta del vaccino Aids e per la ricerca scientifica.
Illustre scienziata italiana, attuale direttore di virologia dell'istituto superiore della sanità di Roma. Alla sua opera si deve la scoperta di un vaccino destinato a salvare l'umanità: quello in grado sconfiggere e prevenire l'Aids. La sua scoperta é da considerarsi una delle più straordinarie che la scienza mondiale abbia prodotto nei secoli. In passato ci aveva già abituato a scoperte di grandissima portata come quella del brevetto per il metodo di cura del morbo del sarcona di Kaposi, portata a termine insieme al professor Gallo. Innumerevoli i premi e riconoscimenti ricevuti dalla nostra ricercatrice in Italia e nel mondo. Con questo premio le diciamo grazie per quanto ha fatto e potrà fare per salvare altre vite umane.

Giuliano Amato
Santa Caterina d'oro 2002 per il suo impegno al servizio del Paese e dell'Europa.
La sua avventura politica comincia nel 1958 quando studente universitario si iscrive al partito socialista di cui nel 1989 diventerà vicesegretario. E' stato eletto per la prima volta alla Camera dei deputati nel 1983 sempre riconfermato nelle successive tornate elettorali, fino al 1993. Ha ricoperto molti incarichi di governo: dal 1983 al 1987 é stato sottosegretario di stato alla presidenza del consiglio e ministro del tesoro nel governo Goria e nel successivo governo De Mita. Nle giugno del 1992 é diventato presidente del consiglio dei ministri, carica mantenuta fino all'aprile del 1993, quando fu sostituito dall'attuale presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi. E' passata alla storia di quei 300 giorni di presidenza, la colossale finanziaria da 93mila miliardi che gettò le basi della ripresa del Paese. Una delle più importanti iniziative della sua carriera é stato il Decreto legislativo sulla riforma del pubblico impiego che equiparava I dipendenti del settore pubblico a quelli del settore privato. Ha assunto per la seconda volta la carica di presidente del consiglio dei ministri il 25 aprile del 2000.  Le elezioni del 13 maggio hanno segnato il ritorno in parlamento, risultato eletto nel collegio senatoriale di Grosseto. E' attaulmente impegnato come vice presidente nella Convenzione europea l'organismo che dovrà disegnare il nuovo profilo istituzionale dell'Unione, ovvero la costituente che deciderà l'Europa del futuro.

Luano Niccolai
Santa caterina d'oro 2002 a Luano Niccolai e alla Rimor per l'impegno sociale e lo sviluppo occupazionale sul territorio senese.
Ha costruito con le sue mani e con tanto sacrificio un vero impero industriale. Titolare della Rimor di Poggibonsi, leader nella produzione di autocaravan, ha iniziato la sua attività come operaio. Poi con ingegno e caparbietà ha cominciato la sua scalata, mettendo insieme un giorno dopo l'altro, i tasselli di quella che é poi diventata l'industria a più alto fatturato di tutto il territorio. La sua intraprendenza ha prodotto non solo un successo economico personale, ma anche una vera ricchezza per tutto il territorio, per l'indotto economico e produttivo che ha generato e per il gran numero di posti di lavoro messi a disposizione della comunità. Non ultimo va considerato il suo impegno quale patron del calcio valdelsano al quale riserva attenzioni e finanze conferendo linfa vitale e capacità imprenditoriale.
Maria Concetta Mattei
Maria Concetta Mattei
Premio Santa Caterina d'oro 2002 per il giornalismo televisivo di qualità.
Nel 1991 fu chiamata a Roma come caposervizio e conduttrice del Tg2 inquadrata successivamente nelle redazioni cronaca, politica, dal 2001 è caporedattore della stessa testata. Collabora alla rubrica Neon libri della fascia serale di Rai 2. Tiene dall'estate 2000 una rubrica radiofonica settimanale in onda il sabato nel Gr2 mattina, dedicata ai genitori dal titolo "Parola di mamma". Da sempre sensibile ai temi della solidarietà, collabora da tempo con la Lega per lotta contro i tumori ed é testimonial in diverse campagne di informazione sanitaria per la prevenzione dei tumori. E' considerata il personaggio più credibile della tv secondo un indagine del febbraio del 1998.

S.E. Michelangelo Tiribilli
Santa Caterina d'oro 2002 all'Abate Generale della abbazia di Monte Oliveto Maggiore.
Di questo personaggio vogliamo ricordare i tempi quando era parroco di una delle più grandi comunità religiose di Siena e in quell'ambito ha promosso la nascita di una realtà di volontariato Il Laboratorio che ancora oggi si occupa dell'assistenza e della tutela dei ragazzi disabili di questa città; ogni giorno con la massima dedizione e la costanza di tanti volontari guidati dalla grande passione della sua direttrice Antonella Montagna. Oggi questo personaggio è abate generale di una delle più prestigiose abbazie d'Italia. Ha dato grande impulso alle missioni umanitarie nei paesi del sud america soprattutto in Brasile, ha permesso il restauro di numerosi codici benedettini che costituiscono un grande patrimonio culturale della nostra provincia e mantiene viva la tradizione del canto gregoriano.

Franco Nobile
Premio Santa Caterina d'oro 2002 a Franco Nobile presidente della Legatumori di Siena per la dedizione alla lotta contro il cancro.
Da oltre un trentennio é presidente della sezione provinciale di Siena della Lega italiana per lotta contro i tumori, dove ha creato una rete di centri di prevenzione oncologica d'avanguardia, potenziando soprattutto la diagnostica precoce dei melanomi e dei tumori al seno. Come responsabile dell'Osservatorio per le contaminazioni radioattive nell'ambiente, dal 1986 si occupa del monitoraggio dei rischi conseguenti alla catastrofe di Chernobyl, studiando le relative misure di radioprotezione. In veste di coordinatore regionale per la Toscana per la Lega italiana per la lotta contro di tumori, ha promosso uno screening oncologico tra I  militari reduci dai Balcani per la valutazione dei rischi connessi   all'uso bellico dell'uranio impoverito. Su questo tema ha recentemente organizzato a Siena un congresso scientifico che ha avuto vasta risonanza anche all'estero; e sui risultati delle ricerche ha riferito nei giorni scorsi al vicepresidente del consiglio Gianfranco Fini a palazzo Chigi.

Pupi Avati

Santa caterina d'oro 2002 per la carriera al servizio del cinema di qualità.
Aiutami a sognare, Una gita scolastica, Impiegati, Festa di laurea, Regalo di Natale, Ultimo minuto, Storia di ragazzi e ragazze; e negli anni '90 Magnificat, L'amico di infanzia, Il testimone dello sposo, La Via degli angeli e nel 2000 I cavalieri che fecero l'impresa. Solo alcune tappe salienti di una carriera costellata di grandi opere cinematografiche. Uno dei rarissimi esempi di coerenza e allo stesso tempo di costante ricerca nel campo della comunicazione e del rapporto fra l'idea e il messaggio artistico e sociale. Il suo stile inconfondibile lo ha reso uno dei più grandi narratori del nostro tempo, delle nostre paure e dei nostri sogni, delle nostre ambizioni. Interprete della sua e di tutte le generazioni ha ricevuto nella sua carriera di regista numerosi riconoscimenti e premi in tutto il mondo. Il comitato caterianiano ha riconosciuto in lui il regista più acuto e più sensibile del cinema contemporaneo.

Raoul Bova

Santa caterina d'oro 2002 come migliore attore dell'anno.
E' considerato una delle personalità  più promettenti del cinema italiano. E' forse l'unico esempio di attore che pur potendo vantare un incredibile fascino, é riuscito a far apprezzare tutto il suo talento e la sua particolare attitudine ad interpretare ruoli impegnati che affrontano temi di stringente attualità come il fenomeno della mafia e gli aspetti più deteriori della malavita. Nelle due edizioni seguitissime di Ultimo ha ricorperto con grande abilità il ruolo dell'eroe buono, impegnato a combattere il male e a trasmettere messaggi di speranza. La sua interpretrazione nella vesti di San Francesco presto sul piccolo schermo basterebbe a giustificare il riconoscimento che gli viene assegnato oggi in nome di Santa Caterina da Siena. Chi ha avuto la fortuna di vedere questo film tv in antemprima parla di una reale simbiosi fra l'attore e il santo di Assisi; un'interpretazione magistrale destinata a riscuotere un enorme successo. 

Riccardo Brengola

Premio Santa caterina d'oro 2002 alla sua favolosa carriera.
E' uno dei grandi artefici della storia dell'Accademia Chigiana, il tempio della musica per l'Italia  e per il resto del mondo. E' uno dei violinisti più eclettici che la storia della musica italiana abbia conosciuto. Giunse all'accademia chigiana nel 1936 e nel 1939 fondò a Siena il celebre Quintetto chigiano divenuto poi sestetto, con il quale ha suonato il tutto il mondo, portando il nome della città del Palio, a cui é legatissimo, in ogni angolo della Terra. Molto legato al conte Chigi, deliziò i senesi appasionati di musica classica con I suoi straordinari concerti. Oggi Siena gli rende omaggio per la sua arte e la sua infinita sensibilità artistica.

Suore Calcutta
Premio Santa Caterina d'oro 2002 alle suore missionarie di Madre Teresa di Calcutta.
Grande esempio di Carità e di attenzione ai bisogni della gente di ogni religione e razza; come Santa Caterina sono gli angeli custodi dei poveri e dei malati, soccorrono gli emarginati e trasmettono speranza e conforto a chi soffre in ogni paese del mondo, nel nome di una grande donna che é stata il Simbolo della pace e dell'amore verso il prossimo.

Brigata Paracadutisti Folgore ritira il premio il comandante generale Pierluigi Torelli
Santa Caterina d'oro 2002 alla Brigata Paracadutisti Folgore ritira il premio il comandante generale Pierluigi Torelli.
Con questa statuetta vogliamo dire grazie ad un gruppo di uomini, alla loro fierezza, al loro impegno sociale, al loro forte attaccamento alla patria, paladini in difesa della pace nei paesi più colpiti dalle guerre e dalle calamità. Senza il loro sacrificio non sarebbe stato possibile garantire il ritorno alla quiete in una regione così martoriata e così spaccata dai contrasti etnici, come il Kosovo. Molti di loro sono ormai considerati dei veri cittadini senesi, integrati nel tessuto sociale, carissimi  e veri contradaioli.